Skip to main content
Logo della Commissione europea
EURES
Articolo11 ottobre 2018Autorità europea del lavoro, Direzione generale per l’Occupazione, gli affari sociali e l’inclusione

Vivere all’estero può aumentare la propria autoconsapevolezza?

L’Oxford Dictionary definisce l’autoconsapevolezza come la «conoscenza consapevole del proprio carattere e dei propri sentimenti». È la nostra capacità di definire chi siamo come persone, comprendere i nostri valori e sapere cosa vogliamo dalla vita.

Can living abroad boost your self-awareness?
EURES

Ma cosa c’entra tutto questo con la vita all’estero?

Lo studio

Uno studio recente condotto da un gruppo di ricercatori della Rice University, della Columbia University, dell’Università della Carolina del Nord e dell’Istituto di tecnologia del Massachusetts ha analizzato il rapporto tra l’esperienza di vita all’estero e i livelli di autoconsapevolezza delle persone. Hanno trovato alcuni legami interessanti.

Lo studio si è basato sul feedback fornito da quasi 2 000 persone, tra cui alcune con esperienza di vita all’estero e altre senza. Come riportato dal World Economic Forum, i risultati hanno dimostrato che vivere all’estero aumenta l’autoconsapevolezza delle persone perché «le spinge a riflettere in modo attento su quali parti della loro identità definiscano veramente chi sono o rispecchino semplicemente la loro educazione culturale». In parole povere, vivere in una cultura straniera ci incoraggia a riflettere sui nostri veri valori e su chi siamo – piuttosto che accettare semplicemente i valori e l’immagine di sé con cui siamo stati cresciuti.

Lo studio ha anche scoperto che la durata del periodo trascorso all’estero dalle persone è più significativo del numero di paesi in cui queste hanno vissuto. Quanto più a lungo le persone sono lontane da casa, tanto più tempo hanno per riflettere su sé stesse.

I benefici

Avere un alto livello di autoconsapevolezza può aiutarci a rafforzare le relazioni, a migliorare le nostre capacità e permettere alla nostra vita di prendere una direzione positiva. Aumenta sia la felicità che la fiducia in sé stessi, perché sapere chi siamo ci permette di prendere decisioni che portano più facilmente alla felicità. A sua volta questo elemento contribuisce ad aumentare la fiducia in noi stessi.

Tali decisioni hanno ripercussioni non solo sulla nostra vita personale. Esistono anche prove del fatto che una maggiore autoconsapevolezza possa avere un impatto positivo sull’occupazione, migliorando la capacità delle persone di prendere decisioni sul posto di lavoro e in relazione alla loro carriera in generale.

La conclusione

Anche se può considerarsi un’avventura emozionante, vivere all’estero può anche essere molto più di questo. Se vi trovate già all’estero, mettete da parte un po’ di tempo per riflettere su voi stessi – non si sa mai dove queste riflessioni potrebbe portarvi. E se non avete ancora iniziato questa strada, speriamo che questo articolo vi abbia dimostrato che dietro un’esperienza all’estero c’è molto di più di quanto avreste mai potuto immaginare.

 

Link correlati

Studio di ricerca: Il percorso più breve per arrivare a sé stessi porta in giro per il mondo: vivere all’estero aumenta la percezione di sé stessi

World Economic Forum: Come la vita all’estero influenza la propria autoconsapevolezza

 

Per saperne di più

Giornate europee del lavoro

Drop’pin@EURES

Trova un consulente EURES

Vita e lavoro nei paesi EURES

Banca dati delle offerte di impiego EURES

Servizi EURES per i datori di lavoro

Calendario degli eventi EURES

Prossimi eventi online

EURES su Facebook

EURES su Twitter

EURES su LinkedIn

Temi
Affari/imprenditorialitàNotizie EURES esterneStakeholder esterniNotizie sul mercato del lavoro/notizie sulla mobilitàNotizie/rapporti/statisticheTendenze di reclutamentoGioventù
Sezioni correlate
Vita e lavoro
Settore
Accomodation and food service activitiesActivities of extraterritorial organisations and bodiesActivities of households as employers, undifferentiated goods- and servicesAdministrative and support service activitiesAgriculture, forestry and fishingArts, entertainment and recreationConstructionEducationElectricity, gas, steam and air conditioning supplyFinancial and insurance activitiesHuman health and social work activitiesInformation and communicationManufacturingMining and quarryingOther service activitiesProfessional, scientific and technical activitiesPublic administration and defence; compulsory social securityReal estate activitiesTransportation and storageWater supply, sewerage, waste management and remediation activitiesWholesale and retail trade; repair of motor vehicles and motorcycles

Disclaimer

Gli articoli hanno lo scopo di fornire agli utenti del portale EURES informazioni su temi e tendenze attuali e di stimolare la discussione e il dibattito. Il loro contenuto non riflette necessariamente il punto di vista dell'Autorità europea del lavoro (ELA) o della Commissione europea. Inoltre, EURES ed ELA non approvano i siti Web di terzi sopra menzionati.